index|Presentazione|I collages
    Uve Archiv
Queste pagine contengono l'archivo dei collages
di Uve Christian Fischer.

Sono raccolti qui tutti i collages conosciuti e, a parte la documentazione di un lavoro non grafico che negli anni ottanta ha segnato l'inizio della sua produzione visiva*, può considerarsi completo. Tranne quindi eventuali e sempre benvenute nuove acquisizioni, rimangono in progress i titoli, le datazioni e l'analisi dei testi. Tra questi aspetti, la varietà delle titolazioni riscontrate, ad esempio, richiede ancora del lavoro documentario, proprio perchè esse sono significative per comprendere meglio la prassi artistica e l'estetica dell'autore, come ho cercato di spiegare nella presentazione,

A questo proposito, figurandomi che alcuni visitatori di queste pagine possano essere stati destinatari di collage, in esemplare unico o di copie di assemblaggi con titolazioni o date differenti da quelle riportate qui, li invito a segnalare eventuali differenze e incongruenze, magari negli spazi di commento che affiancano ciascun lavoro.


Per un inquadramento generale dell'opera di Uve si può dunque consultare la presentazione. Mentre cliccando su collages si accede all'archivio interattivo.


Nel concepire e costruire questo strumento documentario ho voluto aprirlo alla partecipazione produttiva di chi lo consulta. Questo nella convinzione che le molte persone che lo hanno conosciuto possano custodire interpretazioni e ricordi capaci di ampliare la comprensione delle sue opere. D'altra parte, i lavori di Uve presentano vari gradi di indeterminazione di senso e sono disponibili a sostenere diverse interpretazioni se non addirittura, talvolta, a chiederle. Ecco allora che può essere interessante, forse anche come nuova prassi esegetica, raccogliere direttamente intorno all'opera vari e diversi contributi, forse complementari, magari anche contrastanti.



Davide Gasperi, primavera 2008

* Si tratta di un lavoro plastico, una tecnica mista, intitolato: "L'orecchio di dio che sente tutto, cioè la metà"



Ecco invece il mio ricordo di lui



home davidegasperi.it torna indietro  stampa[top]